Home Page Vivere al Sole Red Ribbon
Chi siamo
News
Bambini
Chiedi? Rispondo!
HIV - AIDS
Concorsi
Link
Bibliografia
Legislazione
Comunità Emmaus
Il progetto
"Vivere al Sole"
è cofinanziato da

Consiglio dei Sindaci Bergamo

Fondazione Della Comunità Bergamasca Onlus
Dal 1 Maggio 2005

Chiedi? Rispondo!
Richieste pubbliche
Team HIV - AIDS

 

2001 | Indietro | Avanti | Oggi

 

  martedì 15 ottobre 2013 15.08
Giorno dottore,
sono un ragazzo che,incuriosito,è voluto venire a conoscenza del parere riguardo i rapporti orali (tanto dibattuti) da esperti anche di altri paesi.Le risposte sono state univoche:con i rapporti orali non si rischia l'hiv ,ma altre malattie come gonorrea .In realtà hanno affermato che il rischio per il liquido pre-seminale è praticamente nullo(poichè anche se èpresente il virus ,questo ha carica troppo basas per infettare),invece con liquido seminale in bocca il rischio si manterrebbe comunque basso.Questi esperti vivono in Germania,Austria,Svizzera e Pesi Bassi.Com è possibile che lì ci sia così tanta sicurezza e da noi come al solito la situazione è così controversa?Tutti erano concordi che l'hiv non si trasmettesse per via orale,o almeno non con liquido preseminale sicuramente.
Non sappiamo che dire se non che, evidentemente, la pensiamo come le persone da lei contattate.
PBQ2013/1828 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.26
un test fatto a un mese due mesi tre mesi quattro mesi otto mesi negativo posso chiudere la faccenda
Poteva stare sereno già ad 1 mese ed archiviare definitivamente a 3 mesi.
PBQ2013/1827 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.25
un test fatto ad 1 mese esatto di distanza dall'accaduto,mi da una sicurezza completa? o devo aspettare 3 mesi?
Ripetiamo che il test ad un mese è affidabilissimo, quello a 3 lo confermerà.
PBQ2013/1826 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.24
Salve dottore ,sono piuttosto allarmata.Praticando del sesso orale con un ragazzo non sono stata avvertita del fatto che stesse per arrivare.Ho immediatamente sputato il liquido seminale,ma sono comunque molto preoccupata.Rischio hiv?
Veda risposte recenti a quesiti analoghi sui rapporti oro-genitali praticati.
PBQ2013/1825 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.23
Cosa significa la risposta ansie infondate del quesito 2013/1820, che se la pelle del prepuzio copre il glande, questa pelle fa da protezione e i liquidi biologici infetti non oltrepassano questa pelle (se integra) e a sua volta questa pelle protegge la mucosa che è il glande in quanto i liquidi biologici infetti andrebbero a contatto con la pelle del prepuzio che copre il glande e non con il glande significa questo?
Significa che si tratta di preoccupazioni infondate. Non aggiungeremo altro qualora reiterasse il quesito.
PBQ2013/1824 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.21
Dalla risposta 2013/1812, si ma realisticamente prima deve passare qualche secondo, minuto, ora ecc...?
La domanda in se è povco realistica. Non abbiamo altro da aggiungere se non che un rapporto non protetto è a rischio teorico. Che la persona abbia fatto sesso non protetto poco o tanto tempo prima è una questione irrilevante e si tratta di un tempo no misurabile.
PBQ2013/1823 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.19
Gentile dott. Baldasso,
ho sempre seguito le precauzioni per il sesso sicuro, sono un ragazzo di 27 anni omosessuale.
Questo weekend, dopo un periodo di frequentazione, ho praticato e ricevuto un rapporto orale non protetto ma senza eiaculazione in bocca (AL MASSIMO qualche secrezione pre-coitale) ad un ragazzo che ho conosciuto e a cui mi sto affezionando molto. Mi sono fidato a non usare il preservativo per praticare e ricevere tale rapporto poichè questo ragazzo mi ha detto di avere fatto il test HIV da appena una settimana, risultato negativo.
HO SCOPERTO oggi, guardando nella sua documentazione medica, che lui è sieropositivo in terapia antiretrovirale e che l'ultimo test per quantificazione RNA l'ha eseguito ad inizio luglio 2013 e non era rilevabile. La diagnosi ho visto che è stata posta a giugno 2012 (un anno fa quindi), mese in cui ha iniziato la terapia antiretrovirale che ha condotto a negativizzazione dell'RNA a dicembre 2012 (quindi l'anno scorso).
LA MIA DOMANDA E' QUESTA: il rapporto è a rischio? Lei mi consiglierebbe la profilassi post-esposizione? Cosa devo fare?
Grazie della cortese risposta, ovviamente eseguirò il test ad un mese e a tre mesi (sono abbastanza in crisi, sono sempre stato cauto e per l'unica volta che mi sono fidato sono stato ingannato).
Grazia ancora, cordiali saluti.
Come probabilmente avrà constatato dalle numerose risposte in merito ai rapporti oro-genitali, riteniamo tale modalità non a rischio. Altri invecevalutano un rischio, quantomeno teorico, per i rapporti oro-genitali ricevuti e consigliano il test.
Il test, in ogni caso, toglie ogni dubbio.
PBQ2013/1822 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 23.15
Buongiorno dottore mi hanno proposto a pagamento in un laboratorio privato molto affidabile ..un test HIV NAT.
Dovrei farlo a 19-20 giorni dal rapporto a rischio (molto basso, anzi quasi nullo, ma vorrei farlo per scrupolo perché poi mi trasferisco all’estero e non ho tempo di aspettare il test ELISA e allora il medico del centro mi ha consigliato questo tipo di test), loro mi hanno assicurato che è pressoché affidabile al 100% anche dopo 19-20 giorni.
Ho anche letto su wikipedia e altri siti ma preferivo un altro parere di un esperto prima di spendere 250€. Che ne pensa? Dicono il vero?
Grazie mille
Noi consigliamo di fare il test dopo un mese, come da linee guida italiane. Sempre che vi sia una situazione di rischio reale, cosa che non si evince dalla sua richiesta.
PBQ2013/1821 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 09.56
Escludendo i rapporti penetrativi, nelle pratiche di petting, quando il prepuzio copre il glande, il fatto che il prepuzio copra il glande e i liquidi biologici potenzialmente infetti sfreghino o cadono sopra la pelle del prepuzio dove sotto c'è il glande coperto dalla pelle del prepuzio, questa pelle del prepuzio fa da barriera e non fa entrare a contatto con il glande rendendo quindi il glande coperto e mai a contatto con i liquidi infetti?
Ansie infondate.
PBQ2013/1820 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 09.55
giorno dottore,
scorrendo le richieste ho notato che afferma che il liquido preseminale è portatore del virus,ma che alle persone che hanno praticato sesso orale attivo non protetto,ma senza eiaculazione,consiglia di stare tranquilli e che a suo avviso l infezione non puo essere avvenuta (dunwue di non fare il test se non piu per motivi d ansia).come si concilia quanto detto che apparenremente appare contraddittorio?
Non è contradditorio, conta il fatto che si arli di liquidi biologici capaci di trasmettere il virus e modalità che rendono possibile o meno la trasmissione.
Facciamo un esempio che esula la questione da lei posta: se sangue infetto tocca la pelle integra, non si rischia nulla. Noi riteniamo che la modalità rapporto oro-genitale non sia a rischio, altri ritengono di si. Questo è quanto.
PBQ2013/1819 Staff
Inizio pagina

 

  lunedì 14 ottobre 2013 09.52
carissimo dottore ho un problema che mi affligge da ben otto mesi be la mia storia e questa sono stato con un trans che mi ha masturbato mentre mi masturbava il mio pene strusciava il suo circa trenta secondi poi mene sono accorto e lo tolto finendo li la cosa la mua domanda e questa quale malattie sessualmente trasmissibili ho rischiato?seconda domanda ho fatto 5 test hiv a un mese due mesi tre mesi quattro mesi e otto mesi posso stare tranquillo?ultima domandail test vdrl e tpha della sifilide fatti ben cinque di cui lultimo sempre a otto mesi dal rischio e definitivo vorrei anche sapere se avendo preso l antibbiotico amoxcillina per sei giorni e dopo quattro giorni ho fatto il test sempre a otto mesi e possibile che lantibiotico non faccia rilevare al test se ho la sifilide?
Il nostro servizio si occupa solo di HIV e, al di la di qualsiasi considerazione sulla fondatezza del rischio che le avrebbe corso, i test fatti escludono inequivocabilmente che le abbia contrato l'infezione da HIV.
Per il resto, ci sembra comunque che il vero problema sia psicologico.
PBQ2013/1818 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 23.03
Salve dottori avrei un quesito da esporvi in merito a un mio comportamento. Sono un ragazzo omosessuale che ha avuto i seguenti atteggiamenti

1)fellatio passiva senza preservativo
2)fellatio attiva con preservativo
3)penetrazione passiva con preservativo e lubrificante

Tornato a casa però utilizzando della carta igienica ho trovato della tracce "rosate" dovute probabilmente al traumatismo della penetrazione passiva, che è stata protetta.

Subito dopo il rapporto ho riempito il preservativo di acqua per vedere se aveva della lacerazioni ed era integro.

Avendo adeguatamente protetto il Rapp penetrativo e quello orale attivo e non avendo trovato tracce di sangue sul mio pene (per quanto riguarda la fellatio passiva che risulta essere a rischio solo in presenza di copiose tracce di sangue) non faccio nessun test? Posso stare tranquillo? Grazie saluti
Secondo noi può stare tranquillo.
PBQ2013/1817 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 23.02
Sera Dottore,
ho praticato fellatio da attivo senza eiaculazione dell'altra parte e inoltre anche dato baci profondi al partner.Mi consiglia di fare il test?
I baci non infettano, sui rapporti oro-genitali ci siamo pronunciati innumerevoli volte.
PBQ2013/1816 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 23.00
Buongiorno dottore ho 15 anni e ieri sera a ballare uno sconosciuto molto più grande di me mi ha dato un bacio a stampo a tradimento.. Avevo un po’ il labbro screpolato, tipo avevo la prima pelle del labbro molto rotta. Sono a rischio? Settimana prossima devo andare a fare la donazione.
Grazie scusi la domanda cretina
Qualcosa non ci torna....a quindici anni non ci risulta si possano fare donazioni.....comunque non ci si infetta con una bacio, a qualsiasi età!
PBQ2013/1815 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 22.58
Buon giorno sono un volontario cri. Questa notte abbiamo soccorso un malato siero positivo pieno di sangue. Ho indossato maschera due paia di guanti e occhiali oltre tutto il corpo protetto dalla divisa. Domanda . I guanti si sono sporcati così come la divisa ma ho fatto attenzione a non sporcare la mia pelle che non presenta tagli o lacerazioni. Posso stare tranquillo? corro rischi di infezione? Grazie
Le domande di questo genere poste da persone che dovrebbero essere formate e preparate ci stupiscono sempre un po'....ovvio che se si è protetto non ha rischiato.
PBQ2013/1814 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 22.57
Il virus HIV lo si può trasmettere immediatamente fin da subito appena contratto oppure deve passare del tempo, mi spiego meglio semplicemente con un esempio:
Un uomo fa sesso contemporaneamente con due donne nello stesso rapporto senza usare il preservativo, prima penetra una donna in vagina o ano e in quel momento quest'uomo contrae il virus HIV, dopo pochi secondi penetra in vagina o ano l'altra donna, quest'uomo è' già in grado di infettare fin da subito questa donna, oppure prima di essere in grado di infettare altre persone devono passare secondi, minuti, giorni, settimane, mesi ecc...? E' un dubbio che non mi sono mai chiarito e non riesco a trovare informazioni a riguardo.
Forse è un dubbio poco significativo.
Chi ha l'HIV può infettare un'altra persona, questo è il punto.
PBQ2013/1812 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 13 ottobre 2013 22.53
Salvedottore,
perchè il liquido preseminale non sarebbe portatore del virus?
Lo è.
PBQ2013/1811 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 12 ottobre 2013 10.56
gentillissimi dottore fate un bel lavoro per tutta la gente che ha paura del virus hiv però ogni tanto date le risposte come per esempio non ha rischiato nulla senza spiegare il motivo se una persona scrive e solo per avere una conferma da voi medici ...
Spesso le "paranoie" nascono e si alimentano proprio nell'esasperata ricerca di argomentazioni pro o contro le varie ipotesi. A volte approfondiamo, a volte meno prorio in relazione a questo aspetto e al fatto che, spesso, le ansie sono del tutto infondate e inseguirle all'infinito non porta a niente. A volte bisogna dare un taglio e proviamo a farlo.....
PBQ2013/1810 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 12 ottobre 2013 10.53
Sono il ragazzo del quesito n.PBQ2013/1806 ,
quindi posso vivere tranquillamente con la consapevolezza di non aver in alcun modo contratto il virus e senza farmi il test?Grazie
Secondo noi si.
Non le sfuggirà che altri hanno un opinione diversa rispetto ai rapporti oro-genitali praticati e consigliano il test.
Non ci chieda cosa deve fare, noi evidenziamo da sempre la diversità di opinioni e lasciamo al singolo la decisione su che fare.
Se il dubbio genera ansia ricordiamo che il test toglie ogni dubbio.
PBQ2013/1809 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 12 ottobre 2013 10.50
caro staff mi trovavo in una spa e mi stavo facendo la barba. a un certo punto il rasoio mi è cascato di mano ed è andato a finire nel lavandino non si vedeva se c'era sangue o altro perchè era praticamente buio e ho ripreso a farmi la barba. mi sono anche procurato un piccolo taglietto ma non me ne sono accorto subito. infatti dopo sono tornato a fare il bagno turco e potrei, ma non ricordo aver appoggiato la parte lesionata sul lettino in quanto mi sono steso. anche in questo caso non ho potuto vedere nulla in quanto era praticamente buio. solo dopo quando mi sono fatto la doccia e asciugato la faccia mi sono reso conto del piccolo taglietto in quanto c'era un po di sangue. secondo voi ho rischiato qualcosa o sono solo inutili paranoie???
Optiamo per la seconda...inutili paranoie.
PBQ2013/1808 Staff
Inizio pagina

 

2001 | Indietro | Avanti | Oggi

 

  Vivere al Sole - Comunità Emmaus onlus - Chiuduno (BG) - CF 01548250164 Team HIV - AIDS Inizio pagina
by Fox