Home Page Vivere al Sole Red Ribbon
Chi siamo
News
Bambini
Chiedi? Rispondo!
HIV - AIDS
Concorsi
Link
Bibliografia
Legislazione
Comunità Emmaus
Il progetto
"Vivere al Sole"
è cofinanziato da

Consiglio dei Sindaci Bergamo

Fondazione Della Comunità Bergamasca Onlus
Dal 1 Maggio 2005

Chiedi? Rispondo!
Richieste pubbliche
Team HIV - AIDS

 

2001 | Indietro | Avanti | Oggi

 

  domenica 22 dicembre 2013 21.58
Gentili dottori
Sono il ragazzo che ha scritto poco fa per una sbucciatura alla nocca col coltello dell'amico.. Ho rifatto il gesto con un coltellino uguale ed è impossibile che mi sia tagliato xchè la nocca è nella mano in cui impugno il coltello.. Senz'altro è successo sfregandola contro il legno che stavo tagliando.. E fin qui tutto bene.. Ora non arrabbiatevi x il ripetersi della domanda.. È la paura che parla.. Il legno in questione era una stecca da biliardo usata da altre persone qualche minuto prima.. A parte la mia mini sbucciatura nelle mie mani non ho visto altro sangue e nella stecca nemmeno anche xchè dopo l'ho usata per giocare e non ho visto altro sangue sulle mie dita.. Ma se ci fossero state micro tracce di sangue altrui ho rischiato o il tempo passato da quando l'oggetto è stato usato a quando mi sono sbucciato leggermente (cinque dieci minuti circa) mi mette fuori pericolo comunque? Ditemi voi cosa devo fare e scusate ancora..
Nulla!!!
PBQ2013/2275 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 22 dicembre 2013 21.57
Salve gentile staff
Oggi intagliato del legno con un coltellino di un mio amico mi sono sbucciato leggermente una nocca della mano che ha sanguinato leggermente... Di sicuro il mio amico non si era ferito nei 20 minuti precedenti xchè eravamo insieme..le sue mani non avevano ferite fresche o vecchie... Ma nella più sfortunata delle ipotesi e cioè lui siero+ e coltello con tracce di sangue suo precedente, sarebbero stati sufficienti 20 minuti (forse anche di piu) per inibire il virus? Devo fare il test? Ho famiglia e sono un po' in paranoia! Grazie e scusate il disturbo.. Buone feste
Secondo non deve fare il test.
PBQ2013/2274 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 22 dicembre 2013 21.56
cari dottori ho avuto sintomi hiv vi spiego linfonodo ingrossato al collo faringite e cervicale ho fatto un test ab 4 generazione a 160 giorni negativo ma il mio dottore mi ha detto che lui ha visto sieroconversioni non rilevabile ai test per colpa dei sintomi cosa ne dite
Dopo 160 giorni non ci sono dubbi, lei non ha l'hiv.
PBQ2013/2273 Staff
Inizio pagina

 

  domenica 22 dicembre 2013 21.54
Dal 2013/2267, scusate ma cosa intendete per faccia il test che secondo voi ho corso rischio, io non avevo ferite sul pene glande uretra e zona attorno quindi anche senza mia ferite questo sangue di questa ragazza può avermi infettato?
Intendiamo che con così tanto sangue presente, stando alla sua descrizione, e non potendo escludere a distanza la presenza di lesioni il test non fa male.
PBQ2013/2272 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 21.39
Gentilissimo dott.Arici, un test hiv dopo circa 40 giorni da presunti sintomi da infezione acuta dovrebbe risultare positivo o almeno dubbio? Cordiali saluti.
I tempi del test si calcolano da una situazione a rischio, non da "presunti" sintomi. I sintomi da infezione NON ESISTONO!!!! Conta l'eventuale rischio e il test conseguente.
PBQ2013/2270 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 21.38
Cari dottori ho tre test uno a 1 mese l'altro 2 e uno nat a 135 ad oggi ho un linfonodo gonfio e il collo bloccato secondo voi cosa devo fare grazie mille
Lei non ha l'HIV, chieda al medico di fiducia se il malessere non passa.
PBQ2013/2269 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 21.37
Sono la ragazza del quesito 2256, grazie per i vostri preziosi consigli, davvero. Sto pensando di intraprendere una terapia psicoterapeutica... quindi mi confermate in base alla vostra esperienza che i baci profondi anche prolungati per un paio d'ore non sono a rischio hiv? E che per questo posso stare tranquilla?
Si rivolga davvero ad uno psicologo......lo diciamo con rispetto e franchezza.
PBQ2013/2268 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 09.54
Vi risultano casi di contagio in cui un uomo ha sfregato intensamente il glande e uretra e asta del pene su sangue di origine mestruale o comunque sangue proveniente da una lesione vicino alle labbra vaginali, perché con una prostituta mi sono ritrovato il glande e uretra e zona asta peniana insanguinati vistosamente e non ero io a perderlo perché non avevo ferite, nessuna penetrazione e' avvenuta senza preservativo, sono a rischio HIV, non avevo ferite su glande, uretra, asta peniana, ma il sangue della donna su queste parti era notevolmente visibile.
Se si è insanguinato in modo evidente l'apparato genitale, faccia il test.
PBQ2013/2267 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 09.53
Sono un ragazzo bisessuale vorrei sapere se questi episodi sono a rischio:
Dita in vagina e secrezioni vaginali sulle dita e poi subito immediatamente in meno di 5 secondi messe in bocca e ingoiate le secrezioni vaginali e se la presenza di gengive sanguinanti in bocca può eventualmente aumentare il rischio o mettermi a rischio.
Sperma sulle dita e poi subito immediatamente in meno di 5 secondi messo in bocca e ingoiato e se la presenza di gengive sanguinanti in bocca può eventualmente aumentare il rischio o mettermi a rischio.
Ma lei ha rapporti sessuali col cronometro in mano?
Che dire, credo che le sia nota come la pensiamo sui rapporti oro-genitali ed evidentemente non possiamo ritenere a rischio un contatto dita-secrezioni/sperma-bocca. L'ansia delle gengiviti, ricorrente, è per lo più legata a paranoie.
PBQ2013/2266 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 09.50
Salve,
da qualche settimana sto frequentando un ragazzo.
Non lo conosco ancora bene , mi sembra un ragazzo serio ma poiché non conosco il suo stato di salute ,in quanto non ho visto le sue analisi ,ho finora evitato di avere rapporti con lui. Ci siamo limitati ai baci e alla masturbazione reciproca . Ora però sono preoccupata perché l'ultima volta che siamo usciti lui mi ha penetrata in modo intenso con le dita e dopo io ho trovato gli slip sporchi del mio liquido ma anche di sangue.
Non mi sembrava svesse ferite sulle dita era sera ma penso che me ne sarei accorta e avrei trovato del sangue anche sulle mie mani toccando le sue. Non so cosa pensare però visto che le mestruazioni devono venirmi tra una settimana. Sono molto spaventata e non so cosa fare e pensare.
Grazie.
Stefania
Non possiamo valutare noi a distanza se il suo partner avesse una sanguinamento dalle mani o se lei avesse delle piccole perdite (che possono capitare).
Non ci sembra vi siano elementi tali da allarmarsi, valuti lei.
PBQ2013/2265 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 09.49
Buonasera,
che attendibilità hanno un test 4a generazione a 14 giorni dal rapporto a rischio e uno salivare a 25 giorni? a me hanno detto che già a 14 giorni si sarebbe dovuto vedere l'antigene p24...devo stare tranquillo?
Grazie infinite
Le indicazioni sul test prevedono di attender un mese prima di effettuarlo, a quel punto è affidabilissimo. Questo non significa che con i due test effettuati non possa esservi una ragionevole tranquillità, ma è preferibile attenersi alle linee guida piuttosto che fare cose che poi non ci lasciano del tutto tranquilli e ci spingono a chiedere conferme a destra e sinistra......non le pare?
PBQ2013/2264 Staff
Inizio pagina

 

  sabato 21 dicembre 2013 09.45
Buongiorno dottore.
Circa 15 giorni fa ho effettuato un test salivare rapido (oraquickadvance hiv1/2)
insieme al mio fidanzato presso un centro malattie sessualmente trasmissibili dell'asl. Premetto che non ho rapporti " a rischio " da 3 anni e di conseguenza di aver ampiamente rispettato il periodo finestra per l'esecuzione di questo test.
La dottoressa ha effettuato il test "passando" il bastoncino sull'arcata superiore ed inferiore tra gengive e "guancia" e dopo lo ha posto nell'apposita boccetta per la reazione.
Dopo circa 1/2 minuti si è presentata la linea in alto in corrispondenza della lettera c, in quanto ciò significa che ha intercettato gli anticorpi(?).
Nel mentre abbiamo effettuato altri test ematici per altre malattie.
Però alla fine non abbiamo aspettato esattamente 20 minuti ma 18 più o meno.
Se ci fosse stata reattività questa si sarebbe già presentata sul test?
Grazie in anticipo della risposta.
Immaginiamo che la dottoressa che vi ha assistiti abbia dato tutte le spiegazioni necessario rispetto al tipo di test effettuato. Non possiamo darne noi a distanza.
PBQ2013/2263 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 19.17
Salve dottori, volevo sapere gentilmente se un'eventuale infezione da sifilide può allungare il periodo finestra del test hiv di quarta generazione? io ne ho eseguito uno a 40 giorni con esito negativo..
Non influisce.
PBQ2013/2262 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 19.15
Ho appena ritirato il test atto 29 giorni dopo un episodio a rischio ed e' risultato negativo...so che per le linee guida italiane va' ripetuto a tre mesi anche se ho ampiamente letto dalle vostre risposte che non dovrei avere sorprese. Ma il punto non e' questo.Volevo scrivervi per ringraziarvi per il grande supporto scientifico e psicologico che date a tutti coloro che si rivolgono a voi. Date davvero un aiuto prezioso a tutti noi che riceviamo sempre delle risposte chiare e dettagliate che ci aiutano a superare le nostre paure, le nostre ansie.
Buone Feste a tutto lo staff ed a tutti coloro che leggono su queste pagine, sperando che si possa arrivare presto ad un vaccino per tutti coloro che affrontano questa terribile malattia. Grazie di cuore
Buon Natale anche a lei.
PBQ2013/2261 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 19.14
Sono il ragazzo del quesito 2259 ....scusate se vi scrivo di nuovo ma anche ripetendo il test a tre mesi mi confermate che, nel mio caso, a 29 giorni gia' posso avere una risposta pressoche' definitiva?
Non cambia nulla, come le abbiamo già scritto, ma già dal fatto che sta riponendo la stessa domanda deduciamo che lei sia piuttosto ansioso.....quindi lo faccia dopo i 30 giorni, anche a 40, ma almeno non va in "paranoia"......
PBQ2013/2260 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 08.09
Gentile staff, per vari motivi non posso eseguire il test esattamente a 30 gg da un episodio potenzialmente a rischio. Se lo faccio al 29 esimo giorno va' bene uguale?
Va bene a patto che non sia una persona particolarmente paranoica altrimenti non ne esce più, piuttosto lo faccia a 31,32, 33, 35, ....40 giorni....
Poi lo dovrà comunque ripetere a 3 mesi.
PBQ2013/2259 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 08.07
Gentile Dott.
dalla sua esperienza, ci sono sieroconversioni oltre il periodo finestra da rispettare per il test HIV?
grazie
No.
PBQ2013/2258 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 08.06
Ho inserito le dita nell'ano di una persona e questa persona scusate il termine mi ha scoreggiato sulle dita con leggere fuoriuscita di feci e un po' di sangue, le scuregge scusate per i termini sono rischiose?
Il contatto col sangue (che deve essere evidente) è a rischio solo se ci sono tagli evidenti e sanguinanti sulla propria cute.
Le feci non trasmettono il virus.
PBQ2013/2257 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 08.04
Sono la ragazza del quesito 2244, vi ringrazio infinitamente per la risposta. Si, sono una persona piuttosto ansiosa, pero' penso di non sentirmi realmente bene fisicamente. La gonorrea, il papilloma virus, la clamidia non si trasmettono anche con baci profondi? Vi chiedo perche`non riesco a dare una spiegazione ai miei sintomi, mal di gola che non mi da tregua da mesi, e dolori articolari. Sono sintomi che possono avere a che fare con queste mst?
Il nostro servizio si occupa solo di HIV, ci permettiamo però di dirle che se il problema è l'ansia ed è ricorrente non è continuando a porre quesiti a destra e sinistra che la risolverà.
Se non sta bene è più intelligente rivolgersi al proprio medico di base che la saprà orientare verso gli eventuali approfondimenti.
Oppure, se particolarmente frequente, parli della sua ansia con uno psicologo.
PBQ2013/2256 Staff
Inizio pagina

 

  venerdì 20 dicembre 2013 08.00
Gentile Dottore le sintetizzo la mia situazione: ho avuto un rapporto sessuale con una donna di mestiere ma aimè si è rotto il preservativo, fortunatamente me ne sono accorto subito e ho immediatamente interrotto tutto; nel giro di 3 ore dall'accaduto ho fatto il test a tempo zero e ho avuto accesso alla PPE effettuata per 30gg; ho eseguito inoltre il test hiv combinato a 30gg, 60gg, e 90gg tutti negativi ringraziando Dio....a questo punto posso voltare pagina o devo fare un ulteriore test di conferma a sei mesi? Ringrazio anticipatamente per i vostri consulti augurandovi un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo.
Riteniamo possa bastare, le consigliamo di seguire le indicazioni che sicuramente le saranno state date presso il centro che le ha prescritto la PPE.
PBQ2013/2255 Staff
Inizio pagina

 

2001 | Indietro | Avanti | Oggi

 

  Vivere al Sole - Comunità Emmaus onlus - Chiuduno (BG) - CF 01548250164 Team HIV - AIDS Inizio pagina
by Fox