Per scuole ed educatori

L’esperienza accanto alle persone con HIV e malate di AIDS e il lavoro con i ragazzi nelle scuole e nei gruppi giovanili, rendono evidente l’importanza della realizzazione di percorsi finalizzati alla prevenzione e alla crescita culturale e sociale attorno al tema dell’AIDS.

Oggi la malattia appare meno “minacciosa” poiché esistono possibilità di cura e non se ne parla quasi più. Ma il silenzio è indice di una pericolosa disattenzione educativa del mondo degli adulti.

In realtà, l’AIDS rimane una realtà preoccupante, non sembra che i giovani abbiano recepito i messaggi della prevenzione in modo adeguato, la percezione del rischio è scarsa e ci si continua a contagiare (prevalentemente per via sessuale) dimenticandosi che in ogni caso la cura della malattia è complessa, non sempre efficace e non del tutto risolutiva. Molte persone scoprono l’infezione tardi rispetto al momento del contagio: spesso accade in corrispondenza della comparsa dei sintomi della malattia che mediamente avviene dopo circa 8-10 anni dal contagio.

Chi non è a conoscenza del proprio stato di infezione, non può accedere tempestivamente alle cure e può contagiare altre persone in modo inconsapevole.

Manca quindi, oltre che un’adeguata educazione alla prevenzione, una corretta educazione al test: chiunque abbia avuto anche solo un comportamento a rischio nella vita dovrebbe sottoporsi al test per l’HIV.

Continuano inoltre gli episodi di paura e le situazioni di pregiudizio che determinano ancora troppo spesso reazioni di emarginazione ed allontanamento delle persone affette da HIV: sono in gioco questioni come l’affettività e la sessualità, la paura del limite e della sofferenza, l’accettazione della diversità e la tolleranza, il rispetto della propria ed altrui salute, la capacità di solidarietà ed integrazione.

Per questo, lo staff di Vivere al Sole promuove opportunità di sensibilizzazione e formazione sul tema HIV/AIDS, adattabili ai singoli contesti scolastici, con l’obiettivo di affrontare sia gli aspetti legati alla prevenzione, sia il tema del “rispetto” e della solidarietà per le persone che ne sono affette.

Ci si propone di rendere i ragazzi protagonisti attivi, attraverso metodologie e strumenti collaudati, dell’agire preventivo e dello sviluppo di un atteggiamento aperto alla solidarietà già a partire dalla preadolescenza.

Percorsi formativi possono essere realizzati anche con gli adulti, docenti, educatori, catechisti, operatori sociali, ecc. che lavorano a stretto contatto con i ragazzi e svolgono attività socio-educative, o con gruppi di genitori.

Nel corso del 2015 e 2016 le opportunità formative e di sensibilizzazione sono arricchite dalle risorse derivanti dal Progetto Osare la Speranza 2.0 finanziato dal FONDO NAZIONALE AIDS messo a disposizione di Caritas Diocesana Bergamasca e Associazione Comunità Emmaus dalla CEI (scarica proposta per scuole ed oratori).

 

Hai bisogno di più informazioni? Scrivici:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio